Stampa
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

GLOSSARIO

 


ABI
(Associazione Bancaria Italiana) Associazione delle banche che operano nel nostro Paese.

ABITABILITA'
L'abitabilità rappresenta l'attitudine di un immobile, qualora rispecchi determinati parametri stabiliti dalla normativa edilizia, ad essere abitato. Tali caratteristiche riguardano principalmente l'altezza dei locali, la luminosità e la presenza di finestre, la sicurezza e la conformità degli impianti nonché il rispetto dei piani regolatori. E' il Comune che rilascia il cosiddetto certificato di abitabilità, previo esito positivo dei controlli effettuati dal Servizio Sanitario Nazionale, sull'effettiva corrispondenza dell'immobile ai parametri stabiliti dalla legge.

ABITAZIONE ABITUALE
Quella nella quale dimora abitualmente la persona fisica che la possiede a titolo di proprietà, altro diritto reale o contratto di locazione.

ACCENDERE UN MUTUO
Termine con cui si indica l'apertura di un mutuo.

ACCOLLO
E' il negozio giuridico che regola il passaggio dei diritti e degli obblighi spettanti al mutuatario (accollato) al nuovo soggetto (accollante) che ha acquistato l'immobile oggetto di ipoteca. Quest'ultimo assume a suo carico l'obbligo del debitore di pagare al creditore (accollatario). Così nella vendita di un immobile gravato da ipoteca a garanzia di un mutuo ipotecario, l'acquirente si assume l'obbligo di pagare alla banca le rate di mutuo rimanenti.

ACCONTO
L'acconto è la somma che viene pagata in anticipo sul prezzo finale, quale deposito cauzionale al momento della proposta irrevocabile di acquisto.

AFFACCIO
Nella terminologia immobiliare: appartamento posto all'interno di un complesso condominiale, che dà su un giardino, su un cortile, oppure su una strada.

AFFIDABILITÀ CREDITIZIA
Indica l'idoneità di un soggetto a ottenere credito dal sistema finanziario. L'affidabilità creditizia è individuata sulla base della effettiva capacità di reddito, del livello d'indebitamento in essere e dell'attitudine dimostrata in passato di onorare gli accordi di pagamento.

AGENZIA DEL TERRITORIO - CATASTO FABBRICATI
Il Catasto è l'Ufficio del Ministero delle Finanze con l'inventario di tutti i beni immobiliari presenti sul territorio dello Stato italiano. I dati che vengono raccolti e catalogati sono relativi alle vicende proprietarie degli immobili, alle loro caratteristiche (planimetrie dei fabbricati e mappe dei terreni) e alla loro stima.

AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO
E' colui che esegue le delibere dell'Assemblea Condominiale ed è quindi l'organo esecutivo della gestione del condominio.

AMMORTAMENTO
Piano di rimborso rateale del capitale ricevuto in prestito e degli interessi che il mutuatario si è impegnato a corrispondere alla Banca.

ANNOTAZIONE IPOTECARIA
L'annotazione ipotecaria è l'atto che rende legalmente pubblico e ufficializza il trasferimento della garanzia ipotecaria (Ipoteca) su un immobile a favore di un altro soggetto.

ASSEGNO NON TRASFERIBILE
Quando viene emesso un assegno e si desidera evitare che ne venga fatto un uso improprio lo si può rendere non trasferibile, ovvero lo potrà incassare solo il titolare dell'assegno stesso.

ASSENSO ALLA CANCELLAZIONE
Dichiarazione della banca che acconsente a procedere con l'eliminazione di un'ipoteca iscritta a suo favore a garanzia di un debito oramai estinto.

ASSOFIN
Associata all'ABI (Associazione Bancaria Italiana), Assofin (www.assofin.it) è l'Associazione Italiana del Credito al Consumo e Immobiliare e rappresenta i principali operatori finanziari che operano nei comparti del credito al consumo e del finanziamento immobiliare. I requisiti per l'associazione ordinaria sono i seguenti:
· essere costituiti nella forma giuridica di banca o di intermediario finanziario autorizzato
· operare nel settore del credito al consumo, dei prestiti personali, delle carte di credito o dei mutui immobiliari
· possedere un capitale sociale interamente versato non inferiore ai due milioni di euro
· avere il bilancio certificato da una società esterna di revisione contabile
· iscrizione nei registri della Cancelleria del Tribunale da almeno tre anni

ATTICO
Nella terminologia immobiliare: appartamento all'ultimo piano con ampio terrazzo. A differenza della mansarda, che ha il soffitto spiovente, l'attico ha il soffitto piatto.

ATTO DI PROVENIENZA
Nella terminologia immobiliare: il più recente documento pubblico (ad esempio acquisto, donazione) a disposizione inerente la vita dell'immobile in oggetto.

ATTO PUBBLICO
Documento redatto con particolare forma, stabilita dalla legge, da un notaio autorizzato ad attribuire all'atto quella particolare fiducia sulla sua veridicità.

AZIONE REVOCATORIA FALLIMENTARE
Azione che spetta al curatore fallimentare. Questa serve a far dichiarare inefficaci dal Tribunale Fallimentare alcuni atti compiuti dal fallito prima della dichiarazione del suo stato di insolvenza. La revoca di questi atti ha come conseguenza che colui che ha ricevuto beni o denaro dall'imprenditore poi fallito li debba restituire al curatore, allo scopo di ottenere parità di trattamento tra tutti i creditori.

:: TORNA SU

BENE
I beni si classificano in base alle loro caratteristiche fisiche o strutturali. Fondamentale è la distinzione tra beni mobili e immobili. Immobile è il suolo e tutto ciò che naturalmente o artificialmente è incorporato al suolo.

BILOCALE
Nella terminologia immobiliare: appartamento costituito da una camera da letto, da un soggiorno con cucina o angolo cottura e bagno.

BOLLO (IMPOSTA)
Per molti negozi giuridici lo Stato, per ragioni fiscali, impone l'uso della carta bollata. L'inosservanza di tali prescrizioni non dà luogo alla nullità del contratto, ma ad una sanzione pecuniaria.

BOX
Nella terminologia immobiliare: posto auto al coperto, solitamente 5mx3m.

BUREAU SCORE
Indice sintetico della rischiosità creditizia di un soggetto, basato sull'analisi dei dati registrati presso le centrali rischi, relativi al suo livello di indebitamento complessivo, al comportamento nel rimborso dei finanziamenti e alle tipologie di credito in corso.

:: TORNA SU

CANCELLAZIONE D'IPOTECA
Operazione che consente l'eliminazione di un'iscrizione ipotecaria e dei relativi effetti dai registri immobiliari. Viene di norma ordinata con atto notarile al Direttore dell'Ufficio del Territorio solo successivamente alla raccolta dell'assenso alla cancellazione della banca creditrice a favore della quale era l'iscrizione ipotecaria.

CAPARRA
Clausola inserita in un contratto per rafforzare il vincolo contrattuale. Se una delle parti si rende inadempiente agli obblighi assunti, questa è tenuta a pagare la somma stabilita. La caparra può essere confirmatoria o penitenziale.

CAPARRA CONFIRMATORIA
La sottoscrizione del compromesso prevede l'obbligo per il futuro acquirente di corrispondere al futuro venditore una caparra confirmatoria. Tale caparra verrà trattenuta dal futuro venditore a titolo di acconto sul prezzo di vendita dell'immobile. Qualora la compravendita non vada a buon fine per inadempienze imputabili al futuro acquirente, la caparra non dovrà essergli restituita. Al contrario, se l'operazione fallisce per colpa del futuro venditore, quest'ultimo dovrà pagare al futuro acquirente una somma pari al doppio della caparra confirmatoria.

CAPARRA PENITENZIALE
Con questa formula si può recedere da un contratto versando un corrispettivo pattuito. Chi recede perde la caparra data o deve restituire il doppio di quanto ha ricevuto.

CAPITALE RESIDUO
Parte del prestito (a titolo di capitale, che non include quindi gli interessi) che il debitore deve ancora versare al creditore.

CENTRALE RISCHI
Organizzazione che fornisce alle società aderenti (istituti bancari, finanziarie, compagnie assicurative e telefoniche) informazioni sulla posizione creditizia dei soggetti censiti (finanziamenti in corso, regolarità dei pagamenti, richieste di finanziamento), riassunte in una scheda nota come "rapporto di credito".

CERTIFICATO CATASTALE
Documento rilasciato dagli Sportelli Catastali degli Uffici Provinciali dell'Agenzia del Territorio, riportante gli estremi identificativi di un immobile, il valore della rendita catastale e l'indicazione del proprietario.

CLASSE CATASTALE
E' un ulteriore elemento identificativo dell'immobile e viene attribuito dall'Ufficio Tecnico Erariale.

CLAUSOLA PENALE

Le parti, per rafforzare il vincolo contrattuale, inseriscono nel contratto una clausola con cui stabiliscono quanto dovrà essere pagato, a titolo di penale, da quella di esse che dovesse rendersi inadempiente. La clausola penale contiene una liquidazione anticipata del danno.

COMMISSIONE O PENALE DI ESTINZIONE ANTICIPATA
Viene espressa in percentuale e costituisce l'onere a carico del mutuatario qualora intenda rimborsare il prestito prima della scadenza (estinzione - o rimborso - anticipata).

COMPRAVENDITA
E' il più importante contratto di scambio. Essa è definita dal codice civile come "il contratto avente per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa o il trasferimento di un altro diritto verso il corrispettivo di un prezzo" (art.1470 c.c.). La compravendita è un contratto: Non formale: il consenso può essere espresso con qualsiasi forma a meno che la natura dell'oggetto non richieda una forma particolare (es. un bene immobile, per il cui trasferimento è necessaria la forma scritta, art 1350 c.c.) Consensuale: per il suo perfezionamento, è sufficiente il semplice consenso delle parti. Ha effetti reali in quanto produce il trasferimento della proprietà della cosa, ovvero l'acquisto di un altro diritto.

COMPROMESSO
E' l'atto con il quale le parti si impegnano a concludere la compravendita. Nell'atto devono essere indicati: le generalità di chi vende, il costo e le caratteristiche dell'immobile, le modalità di pagamento e la data di stipula del rogito. Le generalità dell'acquirente possono non essere indicate nell'atto e rese note davanti al notaio. Se chi acquista intende chiedere un mutuo, occorre inserire una clausola per non portare a termine l'acquisto se il mutuo non verrà concesso. E' chiamato anche preliminare o promessa di vendita.

COMUNIONE DEI BENI
Secondo questo regime patrimoniale della famiglia, automatico se non viene espressa una diversa volontà, gli acquisti compiuti dai coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio appartengono al 50% a ciascuno, così come i frutti dei beni propri e dell'attività. Nella comunione dei beni non rientrano invece i beni di cui il coniuge era proprietario prima del matrimonio, quelli provenienti da donazioni o eredità anche durante il matrimonio e quelli di uso strettamente personale.

CONCESSIONE EDILIZIA
L'atto con cui un Comune concede la costruzione di un immobile purchè la destinazione d'uso e i volumi realizzati rispettino gli strumenti urbanistici. Qualsiasi difformità dalla concessione costituisce abuso edilizio. Un'abitazione con abusi non sanati non può essere venduta.

CONDIZIONI GENERALI DEL CONTRATTO
Trattasi di un complesso di norme contrattuali predisposte da uno dei contraenti per assicurare l'uniformità del contenuto di tutti i rapporti di natura identica.

CONDOMINIO
Nella terminologia immobiliare: è una delle figure della comunione molto diffusa nell'edilizia moderna. Negli edifici si verifica quando gli appartamenti di cui l'edificio è formato non appartengono alla stessa persona, ma a persone diverse. Ciascuna di queste persone è proprietaria esclusiva del proprio appartamento, ma alcune parti dell'edificio, ad esempio il suolo, le fondazioni, le scale, appartengono in comunione ai vari condomini. La comunione condominiale non è soggetta a scioglimenti.

CONDONO EDILIZIO
Una delle più importanti verifiche da fare all'atto dell'acquisto di un immobile riguarda eventuali lavori che abbiano modificato l'assetto originario e che ricadano nell'ambito delle leggi sul condono edilizio. Infatti tutte le variazioni sull'immobile vanno notificate al Comune e al catasto. Nell'85 e nel 94 sono state varate due leggi di sanatoria degli abusi edilizi commessi, che comunemente vanno sotto il nome di condono edilizio. Al rogito e alla firma del contratto di mutuo il notaio dovrà verificare che la documentazione e le ricevute dei versamenti relativi al condono siano complete e regolari. Viceversa tutti gli obblighi legali ricadranno sul nuovo proprietario.

CONSEGNA ENTRO
Nella terminologia immobiliare: termine entro il quale l'immobile sarà libero ad uso dell'acquirente.

CONSOLIDAMENTO DELL'IPOTECA
Trattasi del momento in cui l'iscrizione dell'ipoteca presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari diventa efficace giuridicamente.

CONSUMATORE
Persona fisica che acquista o utilizza beni o servizi per scopi non riferibili all'attività imprenditoriale e professionale eventualmente svolta.

CONTENZIOSO
Si chiama così l'insieme delle controversie in un determinato ambito o tra determinati soggetti.

CONTRATTO MUTUO
E' l'atto che si stipula, alla presenza di un notaio, tra la Banca che concede il prestito e la persona che lo ha richiesto. Regola tutti i rapporti inerenti il mutuo concesso e contiene, oltre le clausole fondamentali sulla durata e l'interesse praticato, anche le modalità per il rimborso anticipato, gli interessi di mora in caso di ritardato pagamento.

CONTRATTO PER PERSONA DA NOMINARE
Nel momento della conclusione del contratto una parte può riservarsi la facoltà di nominare la persona nella cui sfera giuridica il contratto deve produrre effetti. L'acquisto si intende fatto fin da principio dalla persona da nominare. Se manca la dichiarazione di nomina, il contratto produce effetti direttamente nei confronti di colui che aveva stipulato il contratto e si era riservato di fare la nomina e non l'ha fatta.

CREDIT BUREAU
Servizio fornito dalle Centrali Rischi alle proprie società clienti (istituti bancari, finanziarie) che prevede la comunicazione di informazioni sulla storia creditizia dei soggetti censiti, in base alle quali l'istituto finanziario potrà valutare l'affidabilità creditizia di un soggetto richiedente un finanziamento.

CREDIT SCORE
Misura quantitativa sintetica dell'affidabilità creditizia di un soggetto. Tale punteggio viene calcolato esaminando tutti i dati disponibili sul cliente, sia personali sia di credito (ottenuti dal richiedente, dal credit bureau e banche dati pubbliche).

CREDIT SCORING
Procedura automatizzata di valutazione delle richieste di credito, basata su una serie di analisi statistiche e sulla verifica dei dati del richiedente presso diverse banche dati (centrali rischi, società fornitrici di dati pubblici ecc.). Il risultato di tale procedura è un indice qualitativo sintetico (credit score) che esprime la probabilità stimata che il richiedente si riveli insolvente in futuro.

CREDITO
Somma di denaro che il creditore mette a disposizione di un richiedente, il debitore, che si impegna a restituire l'importo, comprensivo di interessi maturati, in un tempo successivo.

CREDITO AL CONSUMO
Concessione di credito sotto forma di finanziamento, di dilazione di pagamento o altra facilitazione finanziaria, a favore delle famiglie consumatrici per l'acquisto di beni e servizi.

CREDITO FINALIZZATO
Concessione di somme per l'acquisto di beni di consumo individuati con precisione. Si tratta di finanziamenti generalmente erogati presso gli esercizi commerciali.

CREDITO ROTATIVO (REVOLVING)
E' una forma di credito che viene attuata mettendo a disposizione del richiedente una determinata somma di denaro equivalente al fido, utilizzabile in una o più soluzioni, la cui disponibilità si ripristina una volta che vengono effettuati i rimborsi. Può essere appoggiata o meno ad una carta di credito.

CREDITORE
Soggetto (persona fisica o giuridica) che mette a disposizione di un secondo soggetto (debitore) una somma di denaro in cambio dell'impegno formale al rimborso nel futuro.


CATEGORIE CATASTALI
Gli edifici sono suddivisi in alcune grandi tipologie, a seconda del loro utilizzo. Le categorie catastali si dividono in 5 gruppi : A(abitazioni), B (edifici ad uso collettivo come caserme e scuole), C (immobili commerciali come box negozi), D (immobili utilizzati a scopo imprenditoria), E (immobili speciali). Nell'ambito di queste categorie sono operate ulteriori distinzioni, a seconda delle caratteristiche di pregio e di utilizzo dei vari tipi di immobile. Ad esempio per le abitazioni si ha la seguente classificazione: A/1 abitazioni di tipo signorile; A/2 abitazioni di tipo civile; A/3 abitazioni di tipo economico; A/4 abitazioni di tipo popolare; A/5 abitazioni di tipo ultrapopolare; A/6 abitazioni di tipo rurale; A/7 abitazioni in villini; A/8 abitazioni in ville; A/9 castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici; A/10 uffici e studi privati; A/11 abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi (baite, trulli ecc ecc). Ogni categoria è poi ulteriormente suddivisa in classi, che identificano la qualità e lo stato dell'immobile.

CUCINA A VISTA
Nella terminologia immobiliare: la cucina non è collocata in un locale separato, ma si trova su un lato del locale soggiorno.

CUCINA ABITABILE
Nella terminologia immobiliare: trattasi di cucina attrezzata a consentire a 4 persone di mangiare comodamente sedute intorno ad un tavolo di dimensioni standard, l'ampiezza della cucina dovrà essere di almeno 9 metri quadrati.

:: TORNA SU

DATORE D'IPOTECA
Colui che costituisce un'ipoteca a favore di un debito altrui.

DEBITO RESIDUO
Quota di capitale e interessi che la parte mutuataria (il contraente del mutuo) deve ancora restituire in un mutuo in corso di ammortamento.

DEBITO SOLIDALE
Rapporto di obbligazione di più debitori che dichiarano di garantire ognuno nei confronti del creditore per l'intero debito. Il creditore può scegliere di richiedere ad ogni debitore una parte dell'importo oppure di esigere l'intera prestazione da uno solo di essi.

DELEGA
Atto con il quale una persona conferisce ad un'altra il potere di rappresentanza. La delega serve a rendere noto a tutti coloro con i quali il rappresentante entrerà in contatto, che lo stesso è stato autorizzato a trattare.

DESTINAZIONE DI UN IMMOBILE
Utilizzo finale dell'immobile: la destinazione potrà essere ad uso abitativo, commerciale

DETRAIBILITA'
E' il termine che indica la possibilità di detrarre dalla dichiarazione dei redditi una percentuale di una spesa sostenuta.

DIMORA
Luogo in cui la persona attualmente abita.

DIRITTO DI USUFRUTTO
Consiste nel diritto di godere della cosa altrui. La caratteristica dell'usufrutto è costituita dalla sua durata che è temporanea: se nulla è detto si intende costituito per tutta la durata della vita dell'usufruttuario. L'usufruttuario può cedere ad altri il proprio diritto, può concedere l'ipoteca e può anche dare in locazione le cose che formano oggetto di usufrutto.

DOMANDA DI FINANZIAMENTO
Documento compilato da colui che intende chiedere un finanziamento.

DOMICILIO
Luogo in cui la persona ha la sede principale dei propri affetti e interessi.

DONAZIONE
Con la donazione una persona trasferisce beni a favore di un'altra. Devono essere rispettate le quote dei legittimi eredi.

DOPPI SERVIZI
Nella terminologia immobiliare: ci sono due bagni completi


DURATA

Rappresenta il numero di anni concordato per l'estinzione del mutuo.
Intervallo temporale concordato dal creditore e dal debitore entro cui il debitore dovrà restituire il prestito, unitamente agli interessi maturati.

:: TORNA SU

EROGAZIONE
Procedimento attraverso il quale viene consegnato al mutuatario l'importo del mutuo concesso dalla Banca. Atto attraverso cui il creditore versa a favore del debitore (nel caso di prestiti non finalizzati) o del rivenditore convenzionato (nel caso di prestiti finalizzati) l'importo concesso in prestito e con il quale si perfeziona il contratto di credito.

ESIS
L' ESIS è il prospetto informativo europeo standardizzato che viene elaborato ad hoc da ogni Banca su richiesta del cliente. Contiene tutte le caratteristiche relative alla tipologia di mutuo richiesto.

ESPOSIZIONE
Nella terminologia immobiliare: l'esposizione indica su quanti lati affaccia l'appartamento, se doppia ha le finestre su due lati, se tripla l'affaccio è su tre lati.

ESTINZIONE
Qualora si disponga della liquidità sufficiente, il mutuo può essere estinto in via anticipata, parzialmente o totalmente, nel rispetto delle modalità previste dal contratto di mutuo. Il rimborso anticipato del prestito comporta il pagamento di un indennizzo sulla somma del capitale residuo o di quello già rimborsato. La commissione di estinzione anticipata (penale) è fissata nel contratto.

ESTINZIONE ANTICIPATA
Facoltà di estinguere il prestito anticipatamente rispetto al termine prestabilito nel contratto, con probabilità di pagare un eventuale onere aggiuntivo.
In caso di estinzione anticipata il debitore verserà il capitale residuo, gli interessi, e se già previsto nel contratto una penale, entro il limite massimo (indicato dalla legge in riferimento al credito al consumo) del' 1% del capitale residuo.

ESTINZIONE DI IPOTECA
Le modalità di estinzione dell'ipoteca sono: 1) la cancellazione prima del termine di scadenza a condizione che il debito sia stato estinto (il mutuatario potrà richiedere, a pagamento, alla Banca il "consenso alla cancellazione d'ipoteca" e con questo documento rivolgersi ad un notaio per procedere con la definitiva cancellazione); 2) il mancato rinnovo entro il termine dei 20 anni.

ESTINZIONE O RIMBORSO DEL MUTUO
Quando tutte le rate pattuite sono state versate ed è stato restituito tutto il prestito con gli interessi.

ESTRATTO CONTO
E' la distinta delle operazioni del mutuo passate sul conto corrente durante l'anno solare precedente.

EURIBOR
E' la sigla di Euro Interbank Offered Rate, è dall'inizio del 1999 l'indice che misura il costo del denaro a breve termine nell'area euro. E' costituito da 13 diversi valori corrispondenti ad analoghe durate temporali. E' diffuso giornalmente dalla Federazione Bancaria Europea come media ponderata dei tassi di interesse ai quali le Banche operanti nell'Unione Europea cedono i depositi in prestito. E' utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso variabile.

EURIRS/EUROIRS
E’ un parametro di indicizzazione che si calcola facendo la media degli IRS delle principali Banche dell’unione monetaria europea. L'IRS (Interest rate swap), cioè "scambio del tasso di interesse", è il costo delle operazioni con cui una banca trasforma un’operazione a tasso fisso in una a tasso variabile. Serve quando un istituto di credito concede un mutuo a tasso fisso e vuole garantirsi dai rischi di rialzo dei tassi nel lungo periodo. Viene diffuso quotidianamente dalla Federazione Bancaria Europea e pubblicato sui giornali economici.

:: TORNA SU

FALLIMENTO
E' la dichiarazione dello stato di insolvenza di un imprenditore, ossia l'impossibilità di soddisfare regolarmente gli impegni assunti. Effetto del fallimento è lo spossessamento, cioè la perdita della disponibilità e dell'amministrazione dei beni del fallito ed il passaggio dell'amministrazione al curatore.

FIDEJUSSIONE
E' l'atto con cui un soggetto si impegna a garantire alla Banca creditrice il pagamento di quanto dovuto dal debitore nel caso in cui quest'ultimo risultasse insolvente.

FINANZIAMENTO
Somma messa a disposizione per la realizzazione di un progetto, nel caso specifico per l'acquisto di un immobile.

FINANZIAMENTO RATEALE
Prestito rimborsabile con rate dilazionate nel tempo, rientrante nella normativa del credito al consumo se di importo compreso tra i 150,00 euro e i 30.000,00 euro.

FRANCHIGIA
Nel contratto di assicurazione, assunzione di una percentuale del danno da parte dell'assicurato.

:: TORNA SU

GARANZIA
Valore presentato dal debitore al creditore a fronte della concessione di un prestito, su cui il creditore si può rivalere in caso di insolvenza. A titolo di garanzia si possono presentare beni reali (per esempio pegno o ipoteca su un bene fisico come un immobile) o personali (come per esempio la firma di un coobbligato o una fideiussione).

GARANTE
Soggetto che si obbliga direttamente verso il creditore quale garante del rimborso di un prestito sottoscritto da una terza persona (il debitore).


GARANTE/FIDEJUSSORE

Colui che offre la fidejussione per il debitore.

GARANZIA PER I VIZI
(della cosa) La garanzia per i vizi concerne l'immunità della cosa da difetti che la rendono inidonea all'uso o ne diminuiscono in modo apprezzabile il valore.

GARANZIA PERSONALE
E' l'atto con il quale un soggetto garantisce l'adempimento di un'obbligazione altrui; obbligandosi personalmente verso il creditore il quale potrà quindi rivalersi sul patrimonio di persona diversa dal debitore.

GARANZIA REALE
Ipoteca e pegno sono esempi di garanzie reali. L'ipoteca è un diritto di garanzia che attribuisce al creditore, in caso di insolvenza del debitore, il potere di espropriare il bene sul quale l'ipoteca è stata iscritta e di essere soddisfatto con preferenza sul prezzo ricavato dalla vendita. Il pegno è anch'esso un diritto reale che il debitore o un terzo concede al creditore su una cosa mobile a garanzia di un credito. Nel pegno il possesso della cosa passa al creditore.

GARANZIE AGGIUNTIVE
Si tratta di garanzie supplementari, richieste in aggiunta all'ipoteca, per tutelare il creditore sul rimborso del debito.

GRADO IPOTECARIO

L'ordine di preferenza tra le varie ipoteche è determinato dalla data della loro iscrizione. Ogni iscrizione riceve un numero d'ordine il quale determina il grado dell'ipoteca che ha una importanza fondamentale perché indica chi dovrà soddisfarsi per primo.

:: TORNA SU

I.C.I. - IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI
È un'imposta che grava su tutti gli immobili ed è a carico del proprietario. L'aliquota varia in funzione dei Comuni, mentre l'imponibile è rappresentato dal valore catastale dell'immobile.

IMPONIBILE
La cifra sulla quale viene calcolata l'imposta. Per l'ICI l'imponibile per le unità abitative è dato dalla rendita catastale dell'immobile aumentata del 5% e moltiplicata per 100.

IMPOSTA DI REGISTRO
Si tratta di tributi a carico dell'acquirente da pagarsi al momento della compravendita, sulla base del valore catastale dell'immobile. Nel caso in cui si acquisti da un privato o da un’impresa che non ha la compravendita di immobili tra le sue finalità principali, per la prima casa l’aliquota è del 3% sull’importo dichiarato in atto, per le altre abitazioni è il 7%. Nel caso in cui il venditore sia un‘impresa costruttrice o un’impresa che ha come oggetto esclusivo la compravendita di immobili sarà pari a 168,00 euro.

IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE

Nel caso in cui si acquisti da un privato o da un’impresa che non ha la compravendita di immobili tra le sue finalità principali: per la prima casa è definito un importo fisso pari a 168,00 euro per l'imposta ipotecaria e 168,00 per quella catastale, per le altre abitazioni è rispettivamente il 2% e l'1%. Nel caso in cui il venditore sia un‘impresa costruttrice o un’impresa che ha come oggetto esclusivo la compravendita di immobili l'imposta ipotecaria sarà pari a 168,00 euro e quella catastale pari a 168,00 euro sia per la prima casa che per le altre abitazioni.

IMPOSTA SOSTITUTIVA

E’ la tassa sostitutiva delle imposte di bollo, di registro, catastali ed ipotecarie, in percentuale fissa sull’importo erogato (attualmente 0,25% per la prima casa e 2% per la seconda casa).

INDENNITA' DI RITARDATO PAGAMENTO
Somma che si dovrà pagare in aggiunta al pagamento pattuito come risarcimento per le spese/danni dovuti al ritardato pagamento.

INDENNIZZO
Somma pagata a titolo di risarcimento di danni.

INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO
La variazione nel tempo dei prezzi che si formano nelle transazioni relative a beni e servizi scambiati tra gli operatori ed i consumatori privati finali.

INDICIZZAZIONE FINANZIARIA
Si parla di indicizzazione finanziaria quando gli interessi di un mutuo a tasso variabile sono collegati alla variazione di un indice dei mercati finanziari, come l'Euribor, il Libor.

INFLAZIONE
Con questo termine si indicano le variazioni, rilevate mensilmente, dei prezzi al consumo. In Italia è l'Istat che la calcola.

INSOLVENZA
Un soggetto si trova in stato di insolvenza quando non è in grado di far fronte ai propri obblighi di pagamento. Mancato o ritardato rimborso al creditore di una o più rate da parte del debitore.

INTERESSI DI MORA
Penale, espressa in termini percentuali e concordata in fase contrattuale, che viene corrisposta dal debitore al creditore in caso di insolvenza singolare o protratta. Sono gli interessi aggiuntivi che bisogna corrispondere alla banca creditrice quando si è in ritardo con le scadenze dei pagamenti delle rate.

INTERESSI USURARI
Tasso di interesse considerato sproporzionato rispetto alla prestazione (di denaro o di altra utilità) fornita. L'applicazione di un tasso usuraio può comportare la reclusione da uno a sei anni ed una multa da 6 a 30 milioni di lire.
Normativa sul credito al consumo

Le norme sul credito al consumo ne regolano l'attività allo scopo di garantire e tutelare il consumatore.
Le principali leggi che riguardano i diritti e i doveri del consumatore, sono le seguenti:
· Legge 142/92 sul "Credito al Consumo"
· Legge 154/92 sulla " Trasparenza"
· Decreto Legislativo 385/93 "Legge Bancaria"
· Legge 52/96 "Clausole vessatorie"
· Legge 108/96 "Usura"
· Decreto Legislativo 196/03 "Privacy"


INTERESSI FISCALMENTE DETRAIBILI
Gli interessi passivi e gli oneri accessori relativi al mutuo ipotecario sottoscritto per l’acquirente della prima casa sono considerati oneri detraibili ai fini della deducibilità fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. La detrazione spetta nella misura del 19% del loro ammontare su un importo massimo prestabilito (3615,00 euro – nel caso in cui il mutuo abbia come oggetto il finanziamento della costruzione dell’abitazione principale l'importo massimo detraibile prestabilito è inferiore).

INVESTIMENTO
Nella terminologia immobiliare: se viene proposto un immobile come investimento probabilmente si tratta di immobile occupato non liberabile in tempi brevi.

IPOTECA
L'iscrizione dell'ipoteca su un bene immobile costituisce un diritto reale (garanzia) a favore della Banca che eroga il mutuo, garantendo l'istituto di credito dal rischio di insolvenza da parte del mutuatario che non può far fronte al pagamento degli interessi e/o al rimborso del capitale. Ciò significa che se il mutuatario non riuscirà a restituire i soldi, la Banca potrà vendere l’immobile e riprendersi quanto le spetta. Se invece sarà in grado di pagare tutte le rate del mutuo, l’ipoteca potrà essere cancellata.

IPOTECA DI PRIMO GRADO
L'iscrizione dell'ipoteca di primo grado, permette di essere i primi creditori ad incassare il ricavato di un'eventuale vendita giudiziaria. È la prima ipoteca iscritta su un bene immobile. È infatti possibile che uno stesso immobile sia gravato da più diritti di ipoteca. In questo caso potrà soddisfarsi, con quello che residua della vendita del bene, prima di tutti il titolare di un'ipoteca di primo grado, quindi, con quello che residua dalla vendita del bene, tutti gli altri aventi diritto.

IPOTECA DI SECONDO GRADO
Su un immobile su cui grava già un'ipoteca di primo grado è possibile iscriverne una di secondo grado. Può essere richiesta ad ulteriore garanzia del finanziamento su un altro immobile, oppure quando si cambia il finanziatore del mutuo già in corso.

IRPEF
Rappresenta la principale imposta che grava sulle persone fisiche nel nostro Paese. Si paga sul reddito dell'immobile, rappresentato dalla rendita catastale o, se l'immobile risulta affittato, dai canoni di locazione pattuiti. Nel caso di abitazione principale il proprietario può detrarre dalla dichiarazione dei redditi l'intera rendita catastale.

ISCRIZIONE IPOTECARIA
L'iscrizione è l'atto con il quale l'ipoteca prende vita e si esegue nell'Ufficio dei Registri immobiliari del luogo in cui si trova l'immobile.

ISTRUTTORIA
E' la prassi che precede l'erogazione di un mutuo per l'analisi della capacità di rimborsare il debito da parte del richiedente. Vengono presi in esame il reddito e le spese mensili del nucleo familiare e solo dopo una verifica positiva inizia la procedura per la formalizzazione del contratto di mutuo.

IVA
E’ l’imposta che l’acquirente deve pagare nel caso in cui il venditore sia un'impresa costruttrice, un’impresa che ha come oggetto esclusivo la compravendita di immobili, un’impresa che ha eseguito interventi di recupero disciplinati dalla L.457/78. L’aliquota è del 4% per la prima casa non abitazione di lusso, del 10% per le abitazioni non di lusso e del 20% per quelle di lusso.

ISC - INDICATORE SINTETICO DI COSTO
Costo totale del credito a carico del cliente espresso in percentuale annua del credito concesso; comprende gli interessi e tutti gli oneri da sostenere per utilizzare il credito.

:: TORNA SU

LASTRICO SOLARE
Nella terminologia immobiliare: è il termine giuridico con cui si identificano i terrazzi che fanno da tetto a un edificio.

LIBERO AL ROGITO
Nella terminologia immobiliare: al momento del rogito l'immobile sarà completamente a disposizione dell'acquirente.

LIBOR
Mentre l'Euribor rappresenta il tasso di interesse a breve termine di riferimento per i Paesi che aderiscono all'Euro (fra cui l'Italia), il Libor (London Interbank Offered Rate) è il tasso di riferimento per le operazioni a breve termine effettuate sulla sterlina inglese.

LOCATORE
Proprietario che dà la casa in affitto.

LOCAZIONE
E' il contratto con il quale una parte (locatore) si obbliga a far godere all'altra (locatario) una cosa immobile per un dato tempo verso un determinato corrispettivo.

LOFT
Nella terminologia immobiliare: grande spazio al piano terra utilizzato tempi addietro come laboratorio artigiano o come magazzino.

LUMINOSITA'

Nella terminologia immobiliare: a seconda del tipo di esposizione si hanno diversi gradi di luminosità dell'appartamento.

:: TORNA SU

MANSARDA
Nella terminologia immobiliare: sottotetto reso abitabile grazie alla sanatoria edilizia.

MANUTENZIONE ORDINARIA
Consiste nel riparare e rinforzare senza alcuna formalità amministrativa parti della struttura, delle murature e della copertura di un edificio. Riparare e sostituire le finiture interne delle costruzioni, installare serramenti, installare e spostare pareti mobili. Viene considerata manutenzione ordinaria la riparazione e sostituzione degli infissi, la periodica manutenzione dei tetti e dei lastrici solari, interventi di manutenzione del verde.

MANUTENZIONE STRAORDINARIA
Per realizzare gli interventi di manutenzione straordinaria occorre presentare un progetto edilizio e l'autorizzazione può essere ottenuta anche con il silenzio assenso entro 90 giorni dalla presentazione della domanda. Consiste nel realizzare interventi riguardanti il consolidamento, il rinnovamento e la sostituzione di parti delle strutture delle costruzioni.

METRI QUADRI COMMERCIALI
Le dimensioni delle case in vendita sono sempre espresse in metri quadri commerciali. Questa è una misura convenzionale che non coincide con lo spazio abitabile, ma si calcola sommando le seguenti voci: superficie calpestabile coperta (si calcola al 100%), balconi e terrazzi scoperti (si calcolano al 25%), balconi e terrazzi coperti chiusi da 3 lati (si calcolano al 35%), verande (si calcolano al 60%), pareti portanti interne e perimetrali (si calcolano al 50%), pareti divisorie interne all’appartamento (si calcolano al 100%), giardini da appartamento (si calcolano al 15%), giardini di ville e villette (si calcolano al 10%), cantine e solai (si calcolano tra il 15% e il 35%). In linea di massima i metri quadri commerciali sono superiori del 15-20% a quelli realmente utilizzabili (calpestabili).

MODELLO CUD/730/740/UNICO

Documenti attraverso i quali la Banca rivela la capacità di reddito delle persone fisiche che effettuano richieste di finanziamenti.

MONOLOCALE
Nella terminologia immobiliare: abitazione costituita da un solo locale oltre al bagno e ad un eventuale ripostiglio.

MORA DEL CREDITORE
La mora ha luogo quando il creditore senza legittimo motivo si rifiuta di ricevere il pagamento offertogli dal debitore.

MORA DEL DEBITORE

Consiste nel ritardo ingiustificato ad adempiere agli obblighi pattuiti da parte del debitore.

MUTUANTE
È la banca che concede il mutuo.

MUTUATARIO
Il mutuatario (o i mutuatari, qualora il mutuo venga richiesto da più persone) è il soggetto al quale risulta intestato il contratto di mutuo e sul quale ricadono tutti i diritti e i doveri legati all'apertura del finanziamento.

MUTUO
E' il contratto con il quale la Banca (mutuante) consegna ad un soggetto (mutuatario) una determinata quantità di denaro e quest'ultimo si impegna a restituire altrettanto denaro più gli interessi pattuiti in un determinato periodo di tempo. I mutui possono essere a tasso fisso, variabile o misto a seconda che gli interessi da pagare siano sempre gli stessi o cambino nel tempo.

MUTUO IPOTECARIO
Particolare tipo di mutuo a media e lunga durata garantito da ipoteca su immobili a favore della banca che lo concede.

:: TORNA SU

NOTA DI TRASCRIZIONE
Documento che attesta l'avvenuta registrazione della compravendita e dell'atto di mutuo.

NUDA PROPRIETA'
Nella terminologia immobiliare: quando viene venduta la proprietà spoglia dei diritti di abitazione, uso o usufrutto. In questi casi non si potrà abitare immediatamente l'immobile.

:: TORNA SU

OBBLIGAZIONE
Consiste in un rapporto tra due parti in virtù del quale una di esse (debitore) è tenuta ad un determinato comportamento a favore dell'altra parte (creditore).

OCCUPATO
Nella terminologia immobiliare: la proprietà è liberabile in un certo numero di anni. Solitamente il valore di un immobile occupato diminuisce del 30% circa.

ONERI ACCESSORI
Rappresentano tutte le spese da sostenere per accendere e per rimborsare il mutuo. Rientrano sotto questa voce, ad esempio, le spese per l'istruttoria della pratica, la perizia sull'immobile, la parcella del notaio, le commissioni per l'incasso delle rate, le spese per la cancellazione dell'ipoteca, l'imposta sostitutiva.

ONERI DETRAIBILI
Sono spese per le quali è riconosciuta la detrazione d’imposta. Rientrano in questa categoria gli interessi passivi, le spese e le quote di rivalutazione dovute per l’indicizzazione dei mutui (vd interessi fiscalmente detraibili).

:: TORNA SU

PANIERE DEI BENI
L'insieme dei prodotti presi in considerazione e messi sotto osservazione statistica ai fini del calcolo di ciascuno degli indici dei prezzi. Il paniere è costituito da un elenco di voci di prodotto, ad ognuna delle quali è assegnato un valore proporzionale al grado di importanza che la voce stessa rappresenta nell'ambito dell'intero paniere.

PANORAMICO
Nella terminologia immobiliare: locali situati su un piano alto o che si affacciano su monumenti o su un bel panorama.

PARAMETRO DI INDICIZZAZIONE
Tasso di riferimento in funzione del quale si determina l'interesse di un prestito a tasso variabile. Di norma tale interesse risulta pari al valore assunto dal tasso di riferimento (per i mutui a tasso variabile normalmente è l'Euribor), incrementato di un differenziale positivo (spread), espresso in punti percentuali.

PARCELLA NOTARILE
E’ il compenso dovuto al notaio sia per la stipula del contratto di compravendita, sia per il contratto di mutuo e l’iscrizione dell’ipoteca.

PENALE PER ESTINZIONE ANTICIPATA
In caso di estinzione anticipata del mutuo concesso, è dovuta una commissione calcolata in percentuale sulla somma che si vuole restituire anticipatamente. In genere questa percentuale è più alta per i mutui a tasso fisso che per quelli a tasso variabile.

PERIZIA
Valutazione del valore dell'immobile da dare in garanzia effettuata da un tecnico abilitato a tale ruolo.

PERTINENZA
E' una cosa posta a servizio o ad ornamento di un'altra cosa, senza costituirne parte integrante ma in funzione di accrescerne l'utilità o il pregio. Esempi di pertinenza: il box, la cantina, destinati al servizio di una casa di abitazione.

PIANO D'AMMORTAMENTO
Prospetto nel quale sono indicate le modalità e gli importi da versare per giungere al rimborso del finanziamento. Piano rateale di restituzione del capitale preso in prestito e degli interessi che il richiedente si è impegnato a corrispondere al creditore.

PIENA PROPRIETA'
Nella terminologia immobiliare: diritto di godere e di disporre dell'immobile in modo pieno ed esclusivo.

PIGNORAMENTO
La forma più importante del processo esecutivo che ha per oggetto l'espropriazione dei beni del debitore nel caso in cui non adempia al pagamento della somma di denaro dovuta. Le forme di questo procedimento sono regolate dal c.c.. Il pignoramento è l'atto con cui si assoggetta il bene all'azione esecutiva e quindi alla sua vendita.

POLIZZA D'ASSICURAZIONE
La polizza è un documento scritto che fissa i diritti e gli obblighi delle parti e attesta la conclusione del contratto. In essa sono specificati lo stipulante, la parte assicurata e il beneficiario. Il documento specifica inoltre la prestazione assicurata, il termine di scadenza o esigibilità, nonchè la controprestazione dello stipulante, il premio e la sua scadenza.

PRATICA
Con questo termine si indica il fascicolo che contiene tutti i documenti relativi alla richiesta di un finanziamento. Si dice "aprire una pratica di mutuo" quando richiedendo un prestito si cominciano a depositare i primi documenti che verranno eventualmente integrati in un secondo tempo.

PREAMMORTAMENTO TECNICO
E' il periodo iniziale della restituzione di un mutuo e prevede rate costituite solo dalla quota di interessi.

PRELAZIONE
E' il diritto del creditore a rifarsi sui beni del debitore rispetto ad altri eventuali creditori. Danno il diritto di prelazione il pegno, l'ipoteca e i privilegi.

PRELIMINARE
E' l'atto con il quale le parti si impegnano a concludere la compravendita. Nell'atto devono essere indicati: le generalità di chi vende, il costo e le caratteristiche dell'immobile, le modalità di pagamento e la data di stipula del rogito. Le generalità dell'acquirente possono non essere indicate nell'atto e rese note davanti al notaio. Se chi acquista intende chiedere un mutuo, occorre inserire una clausola per non portare a termine l'acquisto se il mutuo non verrà concesso. E' chiamato anche compromesso o promessa di vendita.

PREMIO ASSICURATIVO

Il premio è la controprestazione dello stipulante per l'assunzione del rischio da parte dell'assicuratore. I contratti di assicurazione possono prevedere premi unici o periodici.

PRESCRIZIONE
Produce l'estinzione di un diritto per effetto dell'inerzia del titolare del diritto stesso che non lo esercita o non lo usa per il tempo stabilito dalla legge.

PRESTITO FINALIZZATO
Finanziamento acceso generalmente presso un rivenditore di beni o servizi per dilazionare il prezzo di acquisto; il negoziante ha stipulato una convenzione con una o più finanziarie per la fornitura di servizi finanziari ai propri clienti e riceve, oltre al prezzo di acquisto, una provvigione per i finanziamenti concessi. L'importo è erogato direttamente al negoziante.

PRESTITO NON FINALIZZATO
Finanziamento richiesto presso una banca o società finanziaria e non subordinato all'acquisto di uno specifico bene o servizio. Non vi è la presenza di un convenzionato, quindi la somma finanziata viene versata direttamente al richiedente.

PRESTITO PERSONALE
Finanziamento non finalizzato di un importo prefissato, con pagamento di un tasso di interesse in genere fisso e rimborsabile secondo un piano di ammortamento a rate costanti.

PREZZO
Di regola il prezzo è determinato dalle parti. La determinazione può anche essere rimessa ad un terzo (arbitratore) appositamente nominato. È nulla per mancanza di un elemento essenziale la vendita in cui il prezzo non sia determinato o determinabile, né implicitamente né espressamente.

PRIMA CASA
Questo termine è un concetto valevole al fine di fruire di imposte d’acquisto agevolate e può non coincidere con il concetto di "abitazione principale" valevole ai fini della detraibilità degli interessi passivi del mutuo. Infatti le agevolazioni "prima casa" dipendono dalla non possidenza da parte dell’acquirente di altre case nello stesso comune, dalla non possidenza di altre case acquisite con agevolazioni nell’intero territorio nazionale e dalla residenza dell’acquirente stesso nel comune ove è ubicata la casa acquistata (oppure dallo svolgimento in quel comune della sua attività lavorativa). Pertanto un immobile appena acquistato può essere prima casa pur senza essere abitazione principale quando l’acquirente risieda nello stesso comune ma in altra abitazione, per esempio in locazione; oppure può non trattarsi di prima casa pur rimanendo abitazione principale quando l’acquirente possiede già altre case ma stabilisca in questa la sua dimora abituale.

PRIVACY
Indica il diritto alla tutela delle informazioni di carattere personale, garantito per legge.

PROCURA
E' l'atto con il quale una persona conferisce ad un'altra il potere di rappresentanza. La procura serve a rendere noto a tutti coloro con i quali il rappresentante entrerà in contatto, che lo stesso è stato autorizzato a trattare.

PROMESSA DI VENDITA
E' l'atto con il quale le parti si impegnano a concludere la compravendita. Nell'atto devono essere indicati: le generalità di chi vende, il costo e le caratteristiche dell'immobile, le modalità di pagamento e la data di stipula del rogito. Le generalità dell'acquirente possono non essere indicate nell'atto e rese note davanti al notaio. Se chi acquista intende chiedere un mutuo, occorre inserire una clausola per non portare a termine l'acquisto se il mutuo non verrà concesso. E' chiamato anche compromesso o preliminare.

PROPOSTA DI ACQUISTO
Con questo atto il potenziale acquirente presenta l'offerta di acquisto al proprietario dell'immobile. Se viene accettata diventa una proposta irrevocabile che verrà perfezionata con il compromesso. Per questo motivo occorre inserire già in questo atto la clausola in base alla quale l'acquisto è condizionato alla concessione di un mutuo. La volontà contrattuale si perfeziona con l'accordo o con il consenso di colui al quale la proposta è destinata.

PROPRIETÀ
E' il diritto di godere e di disporre della cosa in modo pieno ed esclusivo entro i limiti stabiliti dalla legge.

PROVVIGIONE
E' il compenso che spetta all'intermediario a fronte della prestazione dallo stesso effettuata, se si conclude la vendita.

:: TORNA SU

QUOTA CAPITALE
Parte della rata periodica di rimborso che concerne la restituzione del capitale preso in prestito.

QUOTA INTERESSI
Parte della rata periodica di rimborso che concerne la corresponsione degli interessi maturati sul capitale residuo.

QUIETANZA
Avviso di ricevimento emesso dal destinatario per iscritto e valido a norma di legge per una prestazione

:: TORNA SU

R.I.D.
(Rimessa Interbancaria Diretta) Disposizione di addebito automatico su conto corrente.

RATA

Pagamento da effettuare periodicamente per estinguere il debito. La cadenza dei pagamenti viene stabilita dal contratto. In genere ogni rata è composta da una quota di interessi e una quota capitale. Versamento periodico da corrispondere all'ente finanziatore come rimborso del finanziamento ottenuto, comprendente sia la quota capitale che la quota di interessi maturata.

REGIME PATRIMONIALE DEI CONIUGI
Gli acquisti compiuti dai due coniugi insieme e/o separatamente durante il matrimonio costituiscono oggetto di comunione. A meno che non venga scelto esplicitamente il regime di separazione dei beni.

REGISTRAZIONE
Consiste nel deposito del documento o contratto presso l'Ufficio del Registro, serve prevalentemente a scopi fiscali. Può avere importanza anche sotto l'aspetto del diritto privato, in quanto costituisce il mezzo di prova per dimostrare la data di una scrittura privata di fronte ai terzi. L'omissione della registrazione non produce l'invalidità del contratto, ma ne impedisce l'esibizione in giudizio finché non sia avvenuta la registrazione e non sia pagata la sanzione pecuniaria per la ritardata registrazione.

REGISTRI IMMOBILIARI
Servono ad accertare le vicende dei beni. In particolare per appurare se una determinata proprietà risulta venduta, o no, ad altre persone oppure se è gravata da ipoteca o privilegi.

REGOLAMENTO CONDOMINIALE
Norma interna al condominio, che regola tutti quegli aspetti dell'utilizzo dei beni comuni che non siano già previsti dal codice civile e che in alcuni casi può addirittura derogare dal codice civile. Può essere di due tipi. E' contrattuale, quando è stato predisposto dal costruttore o da tutti i condomini: la modifica è possibile solo con l'unanimità dei consensi. E' assembleare, quando è stato deciso a maggioranza dall'assemblea condominiale. L'acquisto di un appartamento comporta l'accettazione del regolamento condominiale.

RELAZIONE NOTARILE
Il notaio quando predispone atti aventi per oggetto beni immobili è tenuto ad accertare chi risulti essere, in base a validi titoli di acquisto, proprietario o titolare di diritti reali sul bene stesso, ad individuarne gli eventuali pesi e gravami, a descriverne i dati catastali e a verificare la continuità delle trascrizioni (cioè che ciascun proprietario sia divenuto tale in base ad un valido titolo di provenienza da parte di colui che risultava essere precedentemente proprietario). Il mezzo per effettuare queste verifiche è l'ispezione ipo-catastale ventennale presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari che si estrinseca, nel caso dei mutui, nella relazione notarile preliminare.

RELAZIONE NOTARILE DEFINITIVA

E' la Relazione Notarile che viene redatta ad atto contestuale di compravendita e mutuo avvenuto dove comparirà la presenza dell'ipoteca in favore della Banca che ha concesso il mutuo al nuovo proprietario dell'immobile oggetto dell'operazione.

RELAZIONE NOTARILE PRELIMINARE
E' la Relazione Notarile che viene redatta prima dell'avvenuto atto contestuale di compravendita e mutuo.

RENDITA CATASTALE
E' la stima della redditività di un immobile, per un anno, stabilita dagli estimi catastali in base alla zona censuaria, alla categoria ed alla classe.

RESIDENZA
Luogo in cui la persona ha la dimora abituale.

RINEGOZIAZIONE
Operazione con la quale è possibile chiedere alla Banca la revisione delle condizioni dei vecchi mutui.

RINNOVAZIONE DI IPOTECA
Rinnovo dell'ipoteca a fronte di debito non estinto trascorsi 20 anni dall'iscrizione di ipoteca originaria.

RISOLUZIONE DEL CONTRATTO
Quando uno dei contraenti non adempie le sue obbligazioni, l'altro può a sua scelta chiedere l'adepimento o la risoluzione del contratto salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno. Dalla data della domanda di risoluzione l'inadempiente non può più adempiere la propria obbligazione.

RISTRUTTURATO
Nella terminologia immobiliare: l'immobile non necessita di alcuna manutenzione per essere abitato.

RISTRUTTURAZIONE
Vedi anche: manutenzione ordinaria e/o straordinaria. Sotto la voce ristrutturazione sono compresi gli interventi che riguardano un immobile, sia all'interno che all'esterno.

RISTRUTTURAZIONE CON CONCESSIONE EDILIZIA
Interventi che riguardano un edificio nella sua interezza, sia all'interno che all'esterno. Sono le trasformazioni che comportano cambiamenti sostanziali: cambio dell'uso, aspetto estetico, dimensioni dell'edificio e che necessitano di una concessione rilasciata dal comune.

ROGITO NOTARILE
Atto definitivo della compravendita. È un atto pubblico da stipularsi davanti al notaio che successivamente si occuperà di trascrivere il passaggio di proprietà nei registri immobiliari e segnalare la variazione al catasto.

:: TORNA SU

SAGGIO DI INTERESSE
La misura degli interessi è denominata: tasso o saggio. Il tasso o saggio si distingue in legale e convenzionale: il primo è fissato dal legislatore; il secondo dalle parti.

SALONE DOPPIO
Nella terminologia immobiliare: soggiorno ricavato abbattendo una parete e accorpando due locali.

SCADENZA
Consiste in un avvenimento futuro e certo entro il quale debbono essere adempiuti gli impegni assunti.

SCORING
Procedura per la valutazione da concedere al richiedente, generalmente basata su domande mirate a definire il grado di solvibilità del cliente.

SEPARAZIONE DEI BENI
E' il regime patrimoniale della famiglia che consente ai coniugi di conservare la titolarità esclusiva dei beni acquistati durante il matrimonio. La scelta di questo regime va effettuata o al momento del matrimonio oppure successivamente per atto pubblico.

SERVITU'
E' un diritto reale inerente ai fondi rustici e gli immobili urbani. Le servitù hanno carattere di predialità (praedium=fondo) in quanto esse sono poste a carico di un fondo (fondo servente) per l'utilità di un altro fondo (fondo domininante) appartenente ad altro proprietario (art 1027 c.c.). Le servitù possono essere estinte per rinuncia del titolare, per consolidazione, se il proprietario del fondo dominante acquista la proprietà del fondo servente o viceversa e per non uso ventennale (prescrizione).

SINISTRO
Evento fortuito (che si verifica per caso, indipendentemente dalla volontà umana), dannoso che può essere coperto da assicurazione.

SOFFITTA
Nella terminologia immobiliare: camere ricavate nel sottotetto. Devono aver ottenuto l'abitabilità.

SOPPALCABILE
Nella terminologia immobiliare: locali abbastanza alti da poter realizzare un soppalco per ricavare camere da letto o studi. Per soppalcare c'è bisogno di una concessione edilizia.

SPESE
Tutti i costi collegati all'acquisto di un immobile, oltre alla cifra pattuita per l'acquisto. Sono da considerare la provvigione all'eventuale intermediario, i costi della pratica di mutuo, la parcella del notaio, il costo dei bolli e dei certificati. Alcune spese sono detraibili fiscalmente.

SPESE D'ISTRUTTORIA
Rimborso chiesto dalla Banca per l'espletamento delle pratiche e formalità necessarie all'erogazione della somma finanziata.

SPREAD
Rappresenta l'aliquota (maggiorazione) che si aggiunge al tasso di interesse scelto come parametro di indicizzazione per determinare la misura complessiva del tasso di interesse che verrà applicato al mutuo. Costituisce il guadagno della banca sull'importo finanziato.

STABILE D'EPOCA
Nella terminologia immobiliare: edificio signorile costruito tra gli anni '20 e '40.

STABILE RECENTE
Nella terminologia immobiliare: la costruzione o la ristrutturazione integrale deve essere avvenuta da pochi decenni.

STATO D'AVANZAMENTO
Termine tecnico con il quale in edilizia si determina l'ammontare dei lavori svolti nella costruzione di un immobile.

SUCCESSIONE
Il subentrare nella totalità o in una parte dei rapporti giuridici che facevano capo ad un soggetto, in occasione e causa della sua morte.

SUPERATTICO
Nella terminologia immobiliare: caso in cui al di sopra dell'attico vengano costruiti più locali, in genere direttamente collegati al piano attico con una scala interna.

SUPERFICIE COMMERCIALE
Nella terminologia immobiliare: si tratta dei metri quadrati commerciali.

SVINCOLO MAPPALE
Cancellazione di ipoteca su una porzione dell'immobile cauzionale.

:: TORNA SU

TAEG
Per TAEG si intende il tasso annuo effettivo globale, ovvero si tratta del tasso che esprime il costo effettivo del finanziamento, tenendo conto di tutte le spese obbligatorie. E’ calcolato sul prestito concesso considerando il tasso del mutuo e le componenti accessorie del finanziamento, spese imposte al cliente e incassate direttamente dalla Banca. Il TAEG comprende: tasso di ingresso – tasso a regime – spese di istruttoria – spese gestione incasso rata – spese amministrative – invio estratto conto.

TAN
Per TAN si intende il tasso annuo nominale, che, contrariamente al TAEG, non tiene conto delle spese e delle commissioni ed esprime il tasso di interesse.

TASSO A REGIME
Tasso effettivamente pagato che tiene conto del parametro d'indicizzazione (EURIBOR) e dello SPREAD. Questo entra in vigore allo scadere del periodo di validità del "Tasso d'ingresso".

TASSO DI INGRESSO
È il tasso di interesse che viene applicato per il primo periodo della fase di rimborso. La sua misura è più bassa di quella a regime (Tasso a regime).

TASSO DI INTERESSE
E' la misura in termini percentuali della somma (interessi) che il mutuatario deve pagare in un determinato periodo di tempo, generalmente un anno, per avere a disposizione la quantità di denaro (capitale) avuta in prestito.

TASSO FISSO

Formula in cui l'ammontare degli interessi viene determinata all'inizio e non varia più per tutta la durata del prestito.

TASSO MISTO
Formula in cui è prevista la possibilità per il mutuatario di cambiare una o più volte nel corso del contratto e a scadenze prestabilite la modalità di calcolo degli interessi (da tasso fisso a variabile e viceversa).

TASSO USURARIO = USURA

TASSO VARIABILE

Formula in cui l'ammontare degli interessi dipende dall'andamento di un indice di riferimento legato al costo del denaro. Se i tassi sono in salita la rata aumenta, se sono in discesa anche le rate si alleggeriscono.

TERMOAUTONOMO
Nella terminologia immobiliare: immobile nel quale è installata una caldaia a gas autonoma.

TERRAZZO
Nella terminologia immobiliare: locale aperto di dimensioni almeno di 2 metri per lato.

TERZO DATORE DI IPOTECA
Il pegno può essere concesso anche da un soggetto estraneo al rapporto obbligatorio principale. La figura del terzo datore di pegno si distingue dal fideiussore. Entrambi garantiscono il debito di un terzo ma mentre il fideiussore risponde con tutti i suoi beni, il terzo datore solo con il bene su cui è costituita l'ipoteca.

TRASCRIZIONE
La trascrizione nei Pubblici Registri Immobiliari è un mezzo di pubblicità che si riferisce agli immobili. Essa serve a far conoscere ai terzi le vicende giuridiche di un immobile.

TRASFERIMENTO DI IPOTECA
Iscrizione di ipoteca su un nuovo immobile cauzionale e cancellazione dell'ipoteca gravante sull'immobile originario, senza estinguere il debito originario.

TRILOCALE

Nella terminologia immobiliare: appartamento costituito da due camere da letto e un soggiorno oltre a cucina e bagno.

:: TORNA SU

U.T.E
(Ufficio Tecnico Erariale) Ufficio dove viene attribuita una rendita catastale ai beni immobili.

USO

E' un tipo limitato di usufrutto. L'uso consiste nel diritto di servirsi di un bene e, se è fruttifero, di raccogliere i frutti limitati ai bisogni propri e della famiglia. Il diritto di uso non si può cedere o dare in locazione. Si estingue con la morte del titolare.

USUCAPIONE
E' il mezzo in virtù del quale, per effetto del possesso protratto per un certo tempo, si produce l'acquisto della proprietà e dei diritti reali di godimento.

USUFRUTTO
Consiste nel diritto di godere della cosa altrui. La caratteristica dell'usufrutto è costituita dalla sua durata che è temporanea: se nulla è detto si intende costituito per tutta la durata della vita dell'usufruttuario. L'usufruttuario può cedere ad altri il proprio diritto, può concedere l'ipoteca e può anche dare in locazione le cose che formano oggetto di usufrutto.

USURA
Si parla di usura quando i tassi di interesse praticati su un prestito eccedono i tassi normalmente applicati. La legge n. 108 del 1996 ha stabilito i tassi massimi di interesse cui può essere prestato il denaro. Ogni trimestre Banca d'Italia comunica il limite che non può essere superiore al 50% del tasso effettivo globale medio registrato in tutti gli ambiti del credito.

:: TORNA SU

VALORE CATASTALE
È il valore che si ottiene moltiplicando la rendita catastale per 100 se l'acquisto è avvenuto da costruttore e per 110 se è avvenuto tra privati. Il valore catastale, rivalutato del 5%, è la base per il calcolo di tutte le imposte sulla compravendita e dell'I.C.I. ed è il prezzo minimo da indicare in tutti gli atti di compravendita.

VENDITA
E' un contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa verso il corrispettivo di una somma di denaro (prezzo). La vendita è un contratto consensuale. Per il suo perfezionamento non occorre la consegna della cosa; la consegna costituisce una delle obbligazioni del venditore.

VENDITORE
Colui che mette in vendita un bene di sua proprietà.

VERANDA
Nella terminologia immobiliare: terrazzo chiuso con possibili vetrate sostenute da una struttura fissa.

VINCOLO
E' un atto aggiuntivo della polizza assicurativa che vincola il premio a favore del creditore.

VIZI
Difetti che rendano inidoneo all'uso o diminuiscano il valore dell'immobile. 

  •  

    13.jpg - 51.91 KB

  •  

  •  

  • Consueling :